Crisi Governo : Un disperato, Matteo Renzi è sinonimo di slealtà!

di Paola Cammarota - giovedì 14 gennaio 2021

Crisi Governo : Un disperato, Matteo Renzi è sinonimo di slealtà!

Gli osservatori stranieri scrivono che nessuno capisce le motivazioni dell'ex primo ministro. Per l'agenzia Reuters "Renzi completa la trasformazione da riformatore in distruttore". Der Spiegel: "Un duello quasi tragico: da una parte Conte, da 25 anni il premier più popolare, dall'altra Renzi, uno dei politici più impopolari". 

Guardian e FT stanno rivedendo la definizione di "Demolition Man"   quando lasciò il Partito Democratico. Le Figaro sottolinea l'ambiguità degli annunci di mercoledì. Handelsblatt sottolinea che il "ricatto" sul piano di stimolo "ha dato i suoi frutti, ma non è bastato". Il Financial Times e il Guardian rilanciano la definizione di “Demolition Man”, riservata a Matteo Renzi da The Economist nel settembre 2019, quando lasciò il Pd per fondare Italia viva. Il quotidiano sottolinea che questa decisione potrebbe "facilmente ritorcersi contro". 

Ma, cosa più importante, la crisi italiana "minaccia di ostacolare il piano di ripresa di Bruxelles". Per Reuters, "Renzi completa la trasformazione da riformatore in distruttore" e il suo nome è ormai "quasi sinonimo di slealtà e spietate manovre politiche". Mentre El Pais osserva che l'Italia deve ora "trovare la formula per un probabile terzo governo di questa legislatura nel mezzo di una pandemia, proprio nel momento in cui il destino di quasi 230 miliardi di euro che arriveranno dalla Unione europea per uscire dalla crisi "e il Paese deve presiedere il G-20".

Sulla stampa internazionale, la reazione nettamente dominante alla crisi di governo innescata dal leader di Italia viva è lo stupore, lo stesso emerso nei giorni scorsi di fronte alle minacce di Renzi in mezzo a una pandemia globale e una grave recessione. Anche perché nessuno capisce le motivazioni dell'ex premier: l'unica spiegazione, secondo il FT, è che Renzi "ha capovolto Roma" nel tentativo di "rafforzare il potere interdittivo del suo piccolo partito e della propria immagine" personale ". 

La manovra "largamente impopolare" di Renzi arriva "nel momento peggiore possibile per l'Italia" e "lascia gli osservatori perplessi sulle ragioni", ha detto il Guardian, ricordando che "la sua popolarità è precipitata da quando ha dovuto dimettersi dal suo incarico di Presidente del Consiglio dopo il fallito referendum del 2016. Italia viva alle urne ha meno del 3% dei voti ”.

Der Spiegel: "Lotta disperata e impopolare contro il primo ministro più popolare" - E Der Spiegel, il settimanale più influente e più venduto della Germania, tenta sul suo sito web di fare una diagnosi basata sul consenso : "Sembra la battaglia di un uomo disperato. E un duello quasi tragico: da una parte Conte, il presidente del Consiglio più popolare per 25 anni, dall'altra Renzi, uno dei politici più impopolari. Più oscuro è il suo partito, più si batte per attirare l'attenzione. ” Quasi tutti i giornali stranieri tornano ripetutamente al punto dell'ovvia impopolarità di Renzi accentuata dalla conferenza stampa di mercoledì sera: in corrispondenza per Reuters, Gavin Jones osserva che mentre "una volta deliziava gli osservatori italiani e stranieri con le sue promesse di riforma", oggi "è tra le figure più impopolari del paese" e "in un sondaggio Ipsos il 73 % di elettori hanno detto ce vuole difendere solo i propri interessi personali ”.

"Questo mette a repentaglio la storica opportunità di riformare il Paese" - "Difficile da identificare", ribadisce Jones, "il motivo" per cui l'ex primo ministro "ha fatto precipitare l'Italia nel caos politico in mezzo a nuova emergenza coronavirus ". 

Frank Hornig, che scrive da Roma per Spiegel, chiede esplicitamente “perché Renzi sta mettendo in pericolo” “l'opportunità storica di riformare il Paese” con i 200 miliardi di euro del fondo di recupero. "Perché il tifoso di Machiavelli rompe la coalizione con il rischio di andare all'opposizione e portare al potere il populista di destra Matteo Salvini?" 

Mentre la Sueddeutsche Zeitung : "Renzi getta l'Italia in una difficile crisi di governo" e conclude: "Ha aperto una crisi nel bel mezzo della seconda ondata di pandemia, senza che sia assolutamente chiaro come sia avvenuta". "Nessuno vuole votare in Italia", scrive Handelsblatt, e invece "si rischia proprio quello".