di Zazoom di venerdì 2 febbraio 2024

Presentazione delle domande di pensione anticipata: nuove modalità nel 2024 per Quota 103 e Opzione donna

presentazione delle

Il messaggio n. 454 dell'Inps del 1° febbraio 2024 ha introdotto nuove modalità per presentare le richieste di pensione anticipata, in particolare per Quota 103 e Opzione donna. Ecco come fare.

Modalità di presentazione

Le domande possono essere presentate:

- Direttamente dal sito internet www.inps.it, accedendo tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) di almeno Livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di identità elettronica 3.0). Si deve seguire il percorso “Pensione e Previdenza” > “Domanda di pensione” e proseguire all’interno del servizio “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, Certificazioni, APE Sociale e Beneficio precoci”.

- Utilizzando i servizi offerti dagli Istituti di Patronato riconosciuti dalla legge.

- Chiamando il Contact Center Integrato ai numeri verde 803164 (gratuito da rete fissa) o 06164164 (da rete mobile, a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

Tipologie di istanze coinvolte

1. Pensione anticipata flessibile: riguarda l'istanza di pensione anticipata flessibile di cui all'articolo 1, commi 139 e 140, della legge 30 dicembre 2023, n. 213. Questa modifica l’articolo 14.1 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, e l’articolo 1, comma 286, della legge 29 dicembre 2022, n. 197.

2. Opzione donna: riguarda l’istanza di pensione anticipata opzione donna di cui all’articolo 1, comma 138, della legge n. 213/2023. Questa modifica l’articolo 16, comma 1-bis, del decreto-legge n. 4/2019, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 26/2019.

3. Inserimento del numero dei figli: coinvolge le lavoratrici interessate durante l’invio dell’istanza di pensione anticipata di cui all’articolo 24, comma 11, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214. Questo è regolato dalle modifiche introdotte dall’articolo 1, comma 125, lettera b), della legge n. 213/2023.