di Zazoom di lunedì 22 gennaio 2024

Therese Scharr, donna morta dopo una gastroscopia : inchiesta per omicidio colposo

therese scharr

Una svolta significativa è intervenuta nell'inchiesta sulla morte di Therese Scharr, una donna di 74 anni trovata senza vita nella sua casa di Alba il 7 luglio 2022, un giorno dopo aver subito una gastroscopia presso l'ospedale di Verduno. Il Gip Federico Belli ha deciso di non accogliere la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Asti, optando invece per un incidente probatorio che comprende la nomina di un perito super partes. Il verdetto finale sarà emesso dopo l'esame autoptico, che potrebbe portare all'archiviazione del caso o all'imputazione coatta per omicidio colposo.

Therese Scharr, originaria della Svizzera e ex guida turistica nelle Langhe, era ben conosciuta nella comunità svizzera del Cuneese. Il giorno prima della sua morte, si era sottoposta a una gastroscopia senza ricevere particolari indicazioni dai medici. La tragica scoperta della sua morte è stata fatta dalle figlie la mattina successiva.

Le figlie di Therese hanno richiesto l'autopsia, che è stata successivamente ordinata dalla Procura di Asti e affidata al medico legale Moreno Bertoni. La relazione autoptica ha indicato che la morte è stata causata da un'ane mia acuta con emorragia massiva, attribuibile a una rara anomalia vascolare. Inizialmente, la Procura aveva chiesto l'archiviazione del caso.

Gli avvocati delle figlie sostengono che la gastroscopia potrebbe essere stata eseguita in modo scorretto, causando l'emorragia fatale. In risposta, hanno presentato una contro-consulenza redatta dal medico legale Rita Celli, la quale sostiene che la morte di Therese Scharr è stata causata da "lesioni multiple alla parete duodenale", sostenendo che chi ha maneggiato lo strumento per la gastroscopia avrebbe provocato gravi ferite agli organi interni della donna.