di Zazoom di 10 ott 2023

A21, prezzo benzina supera i 2,70 euro

prezzo benzina

Ripresa dell'Ascesa: Il Prezzo della Benzina Si Alza di Nuovo a Causa dei Tumulti in Medio Oriente. Dopo un breve periodo di tregua, il costo della benzina torna a salire, causando preoccupazioni tra gli automobilisti. Lungo l'autostrada A21, che collega Torino a Brescia, un distributore nella zona di Cremona ha fissato il prezzo della benzina a 2,74 euro per litro per il servito e a 2,59 euro per litro per la modalità self nella mattinata di martedì 10 ottobre. Questa situazione, che avvicina i costi ai record registrati la scorsa estate, è attribuita anche al conflitto riacceso in Medio Oriente tra Israele e Hamas.

Un inviato del programma Mattino Cinque News ha mostrato il tabellone della stazione di servizio cremonese, evidenziando i prezzi proposti: il diesel a 2,54 euro per litro e la benzina senza piombo a 2,59 euro per litro, ma con il servito il costo del carburante si innalza a 2,74 euro per litro.

Analizzando il prezzo del petrolio in borsa, si nota che la recente chiusura ha posizionato il costo a 86,32 dollari al barile, rispetto ai 82,03 del 5 ottobre. Considerando il trend crescente iniziato il 12 giugno, quando il prezzo era a soli 67,09 dollari, emerge un costante aumento del greggio.

Le conseguenze del conflitto in Medio Oriente potrebbero determinare una riduzione dell'offerta di petrolio, portando a ulteriori aumenti dei costi della benzina. Questa situazione rischia di avvicinare il costo del carburante ai 3 euro al litro, sebbene siamo ancora lontani dal picco registrato la scorsa estate.

Altre Notizie: Alla Cri di Albiano Magra domani il test gratuito mondiale di epigenetica S-Drive e le visite al seno; Courtney Stodden butta nel water il suo anello di fidanzamento da 5 carati: Fuori il vecchio, dentro il nuovo!; Oprah Winfrey ricoverata in ospedale per problemi di stomaco;