Omicidio a Cologno Monzese: Killer nasconde nel'armadio con mazzo di chiavi rubato, la tragedia di Sofia Castelli

di Redazione Zazoom - lunedì 31 luglio 2023

Un tragico omicidio ha scosso Cologno Monzese, con protagonista la giovane Sofia Castelli, vittima di un terribile atto criminale da parte del suo ex fidanzato, Zakaria Atqaoui. Il killer aveva sottratto un mazzo di chiavi il giorno prima, con l'intenzione di introdursi nell'appartamento di Sofia mentre lei era fuori con gli amici.

Il piano di Atqaoui era cupo e malvagio: si nascondeva nell'armadio, convinto che la ragazza sarebbe tornata a casa con un altro ragazzo dopo una serata in discoteca. Ma quando Sofia rientrò accompagnata da un'amica, il suo piano omicida non subì variazioni: avrebbe afferrato un coltello da cucina e l'avrebbe uccisa nel sonno, infliggendo coltellate al collo.

Le indagini sono ancora in corso, e l'autopsia sarà determinante per capire se Sofia ha cercato di difendersi prima di morire. Attualmente, Atqaoui si trova in fase di interrogatorio di garanzia, durante il quale gli inquirenti stanno valutando le dichiarazioni del reo confesso e gli accertamenti effettuati nella casa della vittima.

Le motivazioni dell'omicidio sembrano legate all'incapacità di Atqaoui di accettare la fine della loro relazione, conclusasi per volontà di Sofia dopo alcuni mesi di crisi. Le storie pubblicate su Instagram dalla giovane potrebbero aver scatenato la rabbia e l'ossessione dell'ex fidanzato, rivelando tutti i suoi spostamenti durante la tragica serata.

Sofia era una ragazza amata da amici e famiglia, impegnata negli studi universitari e con progetti per il futuro. La notizia della sua morte ha lasciato una profonda tristezza nella comunità locale e ha interrotto i festeggiamenti previsti per il 50° anniversario di nozze dei suoi nonni in Sardegna.

La famiglia della giovane vittima è rimasta sconvolta dal terribile destino di Sofia e dal fatto che Atqaoui fosse stato ospitato nella loro casa per quasi due anni, considerato come un secondo figlio. La rabbia e il dolore degli amici della ragazza si sono manifestati anche fuori dalla caserma dei carabinieri, dove il 23enne è stato portato per l'interrogatorio.

L'avvocato di Atqaoui, Marie Louise Mozzarini, ha descritto il suo assistito come un giovane ragazzo molto provato, ma che si è dimostrato collaborativo durante il primo interrogatorio con il magistrato.

Questo tragico omicidio getta luce su temi delicati come la violenza domestica e l'ossessione nei rapporti amorosi, richiamando l'attenzione sulle misure necessarie per prevenire simili tragedie. La comunità di Cologno Monzese piange la perdita di Sofia Castelli e chiede giustizia per la sua vita spezzata in modo così orribile.