di Zazoom di 22 giu 2023

Campo di detriti individuato durante la ricerca del sommergibile Titan: ultime notizie dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti

campo detriti

La Guardia Costiera degli Stati Uniti scopre un campo di detriti durante la ricerca del sommergibile disperso Titan nell'Oceano Atlantico. La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha riportato la scoperta di un campo di detriti durante le operazioni di ricerca del sommergibile Titan, disperso nell'Oceano Atlantico con cinque persone a bordo. Attraverso un tweet, la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha dichiarato: "Durante le ricerche del relitto del Titanic, un campo di detriti è stato individuato nell'area di ricerca da un veicolo a comando remoto (ROV). Attualmente, gli esperti del comando unificato stanno analizzando le informazioni raccolte".

Il termine "ROV" indica un veicolo a comando remoto. È stato superato il limite critico delle 96 ore di autonomia ipotetica dell'ossigeno all'interno del sommergibile disperso. Il Titan aveva una scorta di ossigeno per 96 ore, ovvero quattro giorni, quando si è immerso intorno alle 6 del mattino di domenica per raggiungere il relitto del Titanic. Questo ha posto il limite finale per la ricerca del sottomarino tra le 12 e le 14 ora italiana. Tuttavia, alcuni esperti hanno sottolineato che si tratta di una stima approssimativa che potrebbe essere prolungata se i passeggeri avessero adottato misure per conservare l'ossigeno respirabile.

Il parere di un'esperta neuroscienziata sul Titan e l'esaurimento dell'ossigeno

Secondo la neuroscienziata Arianna Di Stadio, docente presso l'Università di Catania e ricercatrice presso il Laboratorio di Neuroinfiammazione del UCL Queen Square Neurology di Londra, "l'ossigeno diminuisce gradualmente e si verifica una progressiva riduzione nel corpo. Si cerca di mantenere la circolazione nel circuito cuore-polmoni-encefalo, mentre la parte periferica diventa insensibile, causando problemi motori o parestesie. Quello che rimane viene inviato al cervello: non si muore improvvisamente come se si venisse strangolati. Dopo circa 4-5 minuti senza aria, iniziano a verificarsi disfunzioni cognitive". Questo spiega il destino tragico che potrebbe aver atteso i cinque avventurieri intrappolati nel Titan sul fondo del mare.

La famiglia del miliardario britannico disperso accusa OceanGate di ritardo nell'allarme

La famiglia del miliardario britannico Hamish Harding, disperso a bordo del batiscafo Titan, ha criticato OceanGate Explorations, l'armatore della società, per aver atteso otto ore prima di dare l'allarme sulla sua scomparsa. Il mini-sommergibile si è immerso domenica alle 8 del mattino, ora della costa est degli Stati Uniti, circa 10 miglia a sud-est di St. John's, vicino al relitto del Titanic. Alle 9:40, il contatto con la nave madre, la Polar Prince, è stato perso.

Tuttavia, la Guardia Costiera degli Stati Uniti non è stata informata della scomparsa fino alle 17:40. Kathleen Cosnett, cugina di Harding, 58 anni, ha dichiarato che il ritardo nel contattare le autorità era "troppo lungo". Ha detto al Telegraph: "È molto spaventoso. Ci è voluto così tanto tempo per andare a salvarli, è troppo lungo. Avrei pensato che tre ore sarebbero state il minimo indispensabile".

Altre Notizie: Schierato l’Ordine degli infermieri provinciali per la giornata regionale di oggi alla Cri di Albiano Magra in Lunigiana contro l’epatite C; Incendio alla Collina dei Camaldoli: Intervento continuo dei Vigili del Fuoco; Sabato alla Cri di Albiano Magra screening itinerante contro l’epatite C con specialisti universitari.;