di Zazoom di lunedì 26 febbraio 2024

Alzheimer: Scoperti segnali predittivi 18 anni prima della manifestazione clinica

alzheimer scoperti

Una ricerca durata vent'anni, condotta dal Centro di innovazione per i disturbi neurologici di Pechino, ha portato a scoperte significative riguardo i segnali predittivi dell'Alzheimer, che potrebbero manifestarsi fino a 18 anni prima dell'apparizione dei sintomi clinici. Lo studio ha coinvolto il confronto tra 648 volontari affetti da Alzheimer e 648 volontari sani, analizzando i risultati di esami condotti a intervalli regolari. Questo approccio ha permesso di identificare una sequenza temporale specifica nell'accumulo delle proteine beta-amiloide e tau nel cervello, considerate tra le principali cause della malattia.

L'Alzheimer, che colpisce circa 47 milioni di persone nel mondo, è caratterizzato da un progressivo deterioramento delle funzioni cognitive e della memoria, dovuto all'accumulo di queste proteine tossiche. La scoperta dei segnali predittivi e della loro sequenza temporale potrebbe rivoluzionare l'approccio alla diagnosi precoce della malattia, offrendo la possibilità di interventi più efficaci prima che il danno cerebrale diventi irreversibile.

I sintomi dell'Alzheimer includono perdita di memoria, difficoltà linguistiche, disorientamento spazio-temporale e alterazioni del comportamento. Tuttavia, questi segni possono variare notevolmente da persona a persona e possono sovrapporsi a quelli di altre forme di demenza. La diagnosi di Alzheimer attualmente si basa su un processo di esclusione, attraverso esami fisici, mentali e strumentali, poiché non esiste un test specifico per la malattia.

Recenti studi hanno anche evidenziato possibili alterazioni nella retina come segnali precoci dell'Alzheimer, aprendo nuove vie per la diagnosi precoce attraverso esami oculistici. Queste scoperte sottolineano l'importanza di prestare attenzione ai primi segnali di allarme e di consultare un medico per una valutazione approfondita in presenza di cambiamenti nelle capacità cognitive o di memoria.

La ricerca sull'Alzheimer continua a progredire, con l'obiettivo di migliorare la diagnosi precoce e sviluppare trattamenti più efficaci per combattere questa malattia devastante.

Altre Notizie: Alzheimer, il nuovo protocollo europeo: undici indizi per smascherare la malattia; Alzheimer: ci sono legami con ormone della crescita; Alzheimer: Diagnosticare 15 anni prima dei sintomi, la speranza in un esame del sangue;