Dita nel naso? La cattiva abitudine che può aumentare il rischio di Alzheimer

di Redazione Zazoom - venerdì 4 novembre 2022

Gesti come pizzicare il naso possono danneggiare la cavità nasale, aumentando la probabilità che questi batteri viaggino attraverso i nervi olfattivi fino al cervello, invadendo il sistema nervoso centrale. Questa tesi è stata dimostrata in uno studio pubblicato su Scientific Reports da un gruppo di ricerca della Griffith University di Southport, in Australia.

"Abbiamo visto questo accadere nei modelli murini e le prove sono potenzialmente spaventose anche per gli esseri umani", ha affermato il professor James St John, capo del Clem Jones Center for Neurobiology and Stem Cell Research presso la Griffith University e coautore dello studio. -. Siamo i primi a dimostrare che la Chlamydia pneumoniae può innescare patologie che ricordano il morbo di Alzheimer”.

Nel naso, spiegano gli studiosi, il nervo olfattivo è direttamente esposto all'aria e "offre un breve percorso al cervello, bypassando la barriera ematoencefalica, che virus e batteri hanno identificato come di facile accesso per il cervello". L'infezione da Chlamydia pneumoniae, in particolare, ha mostrato che il batterio si diffonde dal naso ai nervi olfattivi e al cervello in 72 ore nei topi, causando una disregolazione delle vie chiave coinvolte nella patogenesi dell'Alzheimer.

Sebbene il meccanismo sia stato osservato in questo modello animale, i ricercatori stanno già pianificando la fase successiva della ricerca per dimostrare che lo stesso percorso esiste nell'uomo: "Dobbiamo fare questo studio sull'uomo e confermare se questo percorso verso il cervello è simile a quella osservata nei topi - ha aggiunto il professor St John - È una ricerca che è stata proposta da molte équipe, ma non è stata ancora portata a termine. Quello che sappiamo, però, è che questi stessi batteri sono presenti nel cervello di tanti pazienti, anche se non capiamo come ci arrivino”.