di Zazoom di 26 set 2022

Non vogliamo essere dimenticati, siamo perno fondamentale del sociale : Dura critica del Governatore della Misericordia di Bagnone

vogliamo essere

“il terzo settore non è "terzo", non viene dopo un primo ed un secondo insomma. Non è marginale ma centrale . Se fosse liberato dai lacci della burocrazia . sicuramente la nazione avrebbe qualcosa di più”, Così ha esordito il Governatore della Misericordia di Bagnone Mareno Barbieri anche Componente il Consiglio Nazionale delle Misericordie d’Italia in occasione dell’annunciata festa annuale della BV Addolorata patrona dell’Associazione svoltasi a Bagnone. 

All’evento presente una folla da grandi occasioni oltre al sindaco Guastali , al coordinatore provinciale Fausto Casotti, le varie Misericordie ed associazioni delle pubbliche assistenze lunigianesi con tanto di gonfalone, la locale sezione Alpini e quella dei  donatori di sangue Fratres ed altre associazioni, oltre ed alle autorità civili, religiose e militari. Il Governatore nel suo interessante e molto articolato intervento ha sottolineato altresì: “La regione Toscana ha deliberato un ristoro per le associazioni che fanno trasporti di emergenza, lasciando però invariato il fondo sanitario dedicato anche ai trasporti ordinari. Il ristoro (6 milioni) è stato caricato sui bilanci delle ASL. 

Sicuramente l'emergenza merita tutta l'attenzione possibile, ma temo che questo provvedimento creerà un danno alle piccole associazioni come la nostra perche l'ASL, che non naviga nell’ori, dovrà compenserà, come già avviene, la maggior spesa riducendo i viaggi ordinari in primis le dimissioni. Creando con questo un danno alle piccole associazioni come la nostra che pure svolgono una missione importantissima garantendo la tenuta del    tessuto    sociale e contestualmente un aggravio di costi per i cittadini. Non è da escludere la chiusura delle associazioni più deboli venendo meno le entrate per il  motivo appena ricordato.” 

vogliamo essere

L’esponente nazionale delle Misericordie ha ricordato, tra uno scroscio di applausi che; “Domenica prossima il nostro paese andrà al voto per eleggere i propri rappresentanti alla Camera ed al Senato.

Da qui, dal nostro piccolo  paese,  voglio lanciare un messaggio ai prossimi governanti: Siano attenti a soddisfare le richieste del volontariato, trattarlo come una risorsa perché il volontariato  é un patrimonio, é un valore di questo paese sempre, non solo nei momenti di calamità.  Si riducano i lacci ed i laccioli della burocrazia impostaci in questi ultimi tempi. Noi vogliamo trascorrere il nostro tempo sul territorio non di fronte ad una scrivania, obbligati al disbrigo di moduli e scartoffie ed alla comprensione  di leggi sempre più ossessive. Noi siamo al servizio della gente e chiediamo attenzione. Comunque vada la Misericordia e tutte le altre associazioni ci saranno ancora ad una condizione: desideriamo attenzione.. Come dicevo siamo in periodo elettorale per le politiche e durante questa campagna elettorale non ho ascoltato alcun  partito, nessun candidato, parlare delle problematiche delle nostre associazioni, del terzo settore. SILENZIO ASSORDANTE. E' vero, siamo di fronte ad avvenimenti emergenziali severi,  ma mi rendo conto che  noi   Veniamo ricordati solo quando di fronte a calamità o pandemie c'è bisogno di braccia ed  i nostri volontari si rimboccano le mani e con coraggio e sacrificio si adoperano per soccorrere le popolazioni in difficoltà. E' lecito domandarsi cosa sarebbe successo se nell'affrontare la pandemia non ci  fosse stato il contributo di Misericordie, ANPAS, CROCE ROSSA e PROTEZIONE CIVILE? Chi avrebbe gestito Hub Vaccinali, Drive Through per tamponi, traspori emergenziali, distribuzione mascherine etc. etc.?Eppure in un momento di difficoltà (aumento dei carburanti, dei  prezzi dei beni) nessuno si preoccupa di sostenere il nostro settore come è stato fatto per altri comparti, anche se rappresentiamo, senza paura di esagerare, la spina dorsale di questo nostro paese.” Barbieri fa ora un sintetico bilancio dell’attività dell’associazione ricordando che  “Dove fa c'è una Misericordia c'è una voce che risponde ad una richiesta di aiuto.

Ecco  i numeri del nostro impegno dell'ultimo anno:

Viaggi convenzionati  872;

viaggi privati                 248;

Trasporti scolastici      380;

Servizi Funebri               37. 

Sono numeri relativamente piccoli, se paragonati a quelli di altre comunità sicuramente più popolose ; certamente però abbiamo risposto a tutte le richieste di aiuto arrivateci e vogliamo continuare a farlo nei modi che ci vengono ampiamente riconosciuti: professionalità, passione, competenza ed umanità. Siccome però, come io amo dire, non siamo un'azienda  di trasporti abbiamo dato corpo ad altre e diverse iniziative non meno importanti: Una nostra volontaria ha prestato assistenza ai medici di Base per la gestione delle vaccinazioni  anticovid.:  1200 vaccini effettuati, Partecipazione al drive throug  per i tamponi, svolto in Pontremoli in collaborazione con  la locale Misericordia. Raccolta di generi alimentari e di abbigliamento da inviare in Ucraina in collaborazione con le altre associazioni Bagnonesi. 

Raccolta che ci ha permesso di inviare, attraverso i canali organizzati dalla Confederazione Nazionale, un Tir in Polonia ai confini Ucraini. Ringrazio tutti i cittadini che hanno partecipato a questa donazione con entusiasmo e grande senso civico. Durante la stessa iniziativa abbiamo avuto modo di raccogliere anche offerte in denaro, che aggiunte al ricavato delle  due manifestazioni musicali tenutesi in teatro a Bagnone. In queste occasioni abbiamo raccolto   1700€  inviata all' agenzia dell'ONU per i rifugiati UNHCR.  

Una menzione speciale la voglio dedicare al progetto "Taxi Sociale" che ha visto la luce in luglio di quest'anno dopo l'acquisto da parte nostra di un Pulmino Ford da 8 posti. Pulmino che per inciso inaugureremo ufficialmente alla fine di questa cerimonia. Il progetto, primo in Toscana con queste caratteristiche, nasce dall'idea di eliminare le barriere che impediscono ai nostri anziani di partecipare ad una vita di relazione piena e soddisfacente. In questo modo abbiamo promossi per quanto di competenza l'autonomia delle persone a rischio di emarginazione , supportandole nelle funzioni che non sempre sono in grado di espletare:  Il servizio non è dedicato solo agli interventi sanitari ma anche per accompagnare presso servizi pubblici per il disbrigo di pratiche di accertata utilità sociale : (INPS, INAIL, Sindacati, Poste, Banca). Accompagnamenti anche per socializzazione od altri aspetti significativi per la vita personale (Visite ai cimiteri, interventi di benessere sulla persona, funzioni religiose, mercati). Sarà un mezzo messo a disposizione di  tutta la  comunità Bagnonese e  potrà essere utilizzato anche per attività diverse  svolte da tutte le  altre associazioni del territorio o da gruppi di persone. A questo punto...nota dolente. “ La mancanza di nuovi volontari è il nostro problema più grande. Rinnovo l'appello a tutti di avvicinarsi a Noi, per dedicare qualche ora della loro giornata al servizio verso gli altri. Chi lo farà si renderà conto della gratitudine degli assistiti e di quanta soddisfazione si ricava personalmente dall' operare a favore dei più deboli.. Non cerchiamo persone a tempo pieno ma volontari che possano dedicarci qualche ora della loro giornata. Non possiamo lasciar morire un'associazione come la nostra per mancanza di volontari. Sarebbe un vulnus per tutta la comunità bagnonese e soprattutto un riprovevole venir meno – conclude Mareno Barbieri - alla nostra tradizione di solidarietà e soccorso per il prossimo in difficoltà che da secoli contraddistingue il nostro paese.

Altre Notizie: Malattie rare - Scopinaro (Uniamo): Inclusione significa vedere persona e non malattia; Aborto: Malan (Fdi) - 'sosteniamo vita e famiglia - non toccheremo la 194'; Trasporti - Rixi: Commissione Ue non sempre sensibile verso Paesi membri;