di Zazoom di venerdì 23 febbraio 2024

Scoperta la Rana più Piccola del Mondo: Brachycephalus pulex entra nel Guinness dei Primati

scoperta rana

Una recente scoperta nelle foreste brasiliane ha portato alla luce il Brachycephalus pulex, una rana di dimensioni microscopiche che è stata ufficialmente riconosciuta come il più piccolo vertebrato esistente. Con una lunghezza media di soli 7,1 millimetri, questa specie supera il precedente detentore del record, la rana Paedophryne amauensis della Papua Nuova Guinea, che misura in media 7,7 millimetri per i maschi.

La rana Brachycephalus pulex, comunemente nota come rana pulce brasiliana, è stata descritta in dettaglio in uno studio della State University di Santa Cruz, che ha esaminato le sue dimensioni, anatomia e gli adattamenti evolutivi necessari per raggiungere tali dimensioni ridotte. Gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista Zoologica Scripta, hanno evidenziato che i sacrifici evolutivi fatti da questa specie sono tali da rendere improbabile che altri vertebrati possano raggiungere dimensioni inferiori mantenendo uno scheletro osseo.

La conferma del record è stata ottenuta dopo un'attenta analisi di decine di esemplari della specie concorrente, la rana Paedophryne amauensis, e la vittoria è stata assegnata al Brachycephalus pulex per un margine di 0,6 millimetri. Questa scoperta non solo stabilisce un nuovo record mondiale ma offre anche una finestra sugli incredibili adattamenti che alcuni organismi possono sviluppare per sopravvivere in nicchie ecologiche specifiche.

scoperta rana

Il Brachycephalus pulex, oltre a essere estremamente piccolo, presenta anche una serie di caratteristiche uniche, come la mancanza di alcuni dita e una colorazione dorsale maculata senza colori vivaci come il giallo o l'arancione, tipici di altre specie del genere Brachycephalus. La ricerca ha anche evidenziato le difficoltà di queste rane nel saltare a causa della loro piccola dimensione, che influisce sulla capacità di utilizzare il sistema vestibolare per il controllo della stabilizzazione.

La scoperta del Brachycephalus pulex è un importante contributo alla conoscenza della biodiversità e sottolinea l'importanza di proteggere gli habitat naturali in cui queste specie uniche vivono e si evolvono.