di Zazoom di sabato 10 febbraio 2024

Certificazione Unica 2024: che cosa è e quando è obbligatoria

certificazione unica

La Certificazione Unica è un documento di vitale importanza per la corretta compilazione della dichiarazione dei redditi. Questo documento certifica i guadagni derivati da lavoro dipendente, autonomo e assimilato, ma chi è tenuto a rilasciarlo e quando?

La Certificazione Unica 2024: Guida e Obblighi

I datori di lavoro devono fornire la Certificazione Unica a tutti i dipendenti, attestando i redditi percepiti e le relative ritenute durante l'anno. Il documento, da inviare entro il 16 marzo dell'anno successivo, è essenziale per i lavoratori nell'elaborazione della propria dichiarazione dei redditi.

Per i pensionati, la Certificazione Unica viene emessa dall'ente previdenziale competente come l'INPS, certificando i redditi da pensione e le ritenute effettuate.

I lavoratori autonomi devono redigere la Certificazione Unica se operano con Partita IVA ordinaria o se gestiscono società o associazioni. Questo documento attesta i compensi e le ritenute pagate ai fornitori o collaboratori, e deve essere inviato entro la stessa scadenza.

Anche le Partite IVA in regime forfettario devono redigere e inviare la Certificazione Unica, sebbene non versino ritenute d'acconto. Questo documento certifica i compensi senza l'applicazione di ritenute.

Altri soggetti obbligati includono professionisti, commercianti, artigiani, società residenti, enti commerciali, nonché coloro che svolgono attività di intermediazione immobiliare per gli affitti brevi. La Certificazione deve riportare tutti i corrispettivi derivanti dai contratti di locazioni brevi, fornendo così un quadro completo dei redditi percepiti.