di Zazoom di venerdì 19 gennaio 2024

Conflitto nel Belucistan: Tensioni tra Iran e Pakistan

conflitto belucistan

Nelle terre del Belucistan, tra deserti infuocati e nevi perenni, emerge nuovamente la guerra, con un passato segnato da conflitti e tensioni. La regione, considerata una sorta di discarica con 15 milioni di abitanti beluci, si trova al centro di interessi geopolitici, arricchita di risorse come oro, gas e rame, ma allo stesso tempo segnata dalla povertà.

L'ultimo scoppio di violenza, con attacchi incrociati tra Iran e Pakistan, evidenzia una guerra antica, a bassissima intensità, ma che dura da ben 75 anni con oltre 27.000 vittime. La nazione beluca, "Baluch Watan", proclama la propria indipendenza, ma è stata oppressa sia sotto lo Scià che dalla nascita del Pakistan.

La domanda che si pone è: perché gli ayatollah iraniani hanno scelto questo momento per attaccare? Pochi giorni prima dell'operazione militare, c'era stata una stretta di mano tra iraniani e pakistani a Davos. Dall'altra parte, perché i generali di Islamabad hanno reagito in modo così deciso? Entrambi condividono un confine poroso di 900 km, utilizzato per il passaggio di oppio e terroristi.

La recente escalation vede l'Iran attaccare le basi dei beluci in Pakistan, colpendo gruppi che lottano per l'indipendenza e sono affiliati all'esercito Jaa (Jaysh al-Adl), un gruppo nato da Al Qaeda. Al contempo, il Pakistan ha risposto colpendo separatisti beluci in Iran, creando un pericoloso incendio geopolitico.

La guerra nel Belucistan non è solo una questione di confini, ma coinvolge anche interessi globali, con la Via della Seta che rende la regione appetibile per la Cina. La situazione si complica ulteriormente con l'interferenza di gruppi terroristici e il coinvolgimento di attori esterni, come gli Stati Uniti e Israele.

L'attuale scontro rappresenta un ennesimo capitolo di una lunga storia di tensioni nel Belucistan, dove geopolitica, risorse e instabilità locale si intrecciano, creando uno scenario volatile che richiede l'attenzione della comunità internazionale.