di Zazoom di 12 ott 2023

Scommesse online : Nicolò Fagioli ha ammesso

scommesse online

Nicolò Fagioli ha confessato di aver effettuato scommesse su piattaforme online illegali, coinvolgendo anche eventi legati al suo campo sportivo. L'affermazione è emersa durante il suo interrogatorio da parte degli investigatori della Procura di Torino.

Il centrocampista della Juventus è attualmente oggetto di un'indagine aperta dalla Procura piemontese, che riguarda presunte scommesse effettuate su piattaforme online non autorizzate. Si prevede che nei prossimi giorni o settimane sarà deferito dalla Procura federale.

Fagioli ora rischia una squalifica di tre anni

Fagioli ora rischia una squalifica di tre anni, poiché è coinvolto nel comma 1 dell'articolo 24, che prevede "per i soggetti dell’ordinamento federale, per i dirigenti, per i soci e per i dirigenti delle società la sanzione della inibizione o della squalifica non inferiore a tre anni e dell’ammenda non inferiore ad euro 25.000". Secondo il Corriere della Sera, la sua difesa potrebbe puntare su una presunta ludopatia, sottolineando il suo interesse già dalle giovanili per il gioco e il poker. Questa argomentazione potrebbe attenuare la pena, ma la situazione non è garantita. La sua autodenuncia potrebbe giocare a suo favore.

La situazione diventerebbe più complicata se emergessero scommesse anche sulla squadra per cui gioca o ha giocato Fagioli. Al momento, non ci sono conferme in merito.

L'indagine della FIGC

L'indagine della FIGC dovrebbe essere prossima alla conclusione, poiché il fascicolo è stato aperto a inizio settembre, e la Procura ha fino a 60 giorni per chiuderlo. Attualmente, la Juventus non è a rischio di sanzioni federali, ma l'articolo 24 specifica che "i soggetti di cui all'art. 2 che siano venuti a conoscenza che società o persone abbiano posto o stiano per porre in essere taluno degli atti indicati ai commi 1 e 2, hanno l’obbligo di informarne, senza indugio, la Procura federale”. Ciò implica che se qualcuno all'interno della società avesse avuto informazioni sulle scommesse di Fagioli, avrebbe dovuto denunciarlo. L'omissione di tale dovere comporterebbe una squalifica di almeno sei mesi e una multa di almeno 15.000 euro, come specificato dalla normativa. Un precedente recente che coinvolge Ivan To potrebbe essere a favore del caso Fagioli.

Altre Notizie: Costituita la Biblioteca diocesana: a Massa Carrara venerdì conferenza sui Paesi della Lunigiana; Un Tablet per i giovani studenti ucraini; Schierato l’Ordine degli infermieri provinciali per la giornata regionale di oggi alla Cri di Albiano Magra in Lunigiana contro l’epatite C;