di Zazoom di 26 giu 2023

Colosseo imbrattato: rischio multa fino a 15.000 euro e 5 anni di carcere per il giovane turista non identificat

colosseo imbrattato

Colosseo imbrattato: rischia multa fino a 15.000 euro e 5 anni di carcere il giovane turista - ancora non identificato - che ha inciso con chiavi il nome suo e della fidanzata. Il Colosseo, uno dei simboli più riconoscibili di Roma e del patrimonio culturale mondiale, è stato oggetto di un vile atto vandalico. Un giovane turista, ancora non identificato, ha commesso un gesto irresponsabile incidendo con delle chiavi il suo nome e quello della sua fidanzata (Ivan+Haley 23) su una delle mura dell'Anfiteatro Flavio. Questo atto di vandalismo, avvenuto presumibilmente il 23 giugno, è stato ripreso da alcuni presenti e il video è rapidamente diventato virale sui social media, attirando l'attenzione delle autorità di polizia.

Le conseguenze per il responsabile di tale gesto non sono da sottovalutare. Secondo le leggi vigenti, il turista rischia una multa di almeno quindicimila euro e una pena detentiva che può arrivare fino a cinque anni di carcere. Il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha condannato fermamente questa azione definendola "gravissima, indegna e segno di grande inciviltà". Il ministro ha inoltre espresso la speranza che l'autore del vandalismo venga individuato e punito secondo quanto stabilito dalla legge.

L'imbrattamento del Colosseo rappresenta un attacco al nostro patrimonio storico e culturale, oltre a danneggiare l'immagine del nostro paese agli occhi dei visitatori stranieri. Le autorità competenti stanno lavorando per identificare il responsabile e garantire che sia portato alla giustizia.

La preservazione dei monumenti e dei siti storici è un compito di fondamentale importanza, e ognuno di noi ha il dovere di trattare tali luoghi con rispetto e venerazione. Questo incidente dovrebbe fungere da monito per tutti i turisti affinché si comportino in modo responsabile e consapevole durante le loro visite, evitando comportamenti vandalici che arrecano danni irreparabili al nostro patrimonio comune.

Altre Notizie: Costituita la Biblioteca diocesana: a Massa Carrara venerdì conferenza sui Paesi della Lunigiana; Un Tablet per i giovani studenti ucraini; Schierato l’Ordine degli infermieri provinciali per la giornata regionale di oggi alla Cri di Albiano Magra in Lunigiana contro l’epatite C;