di Zazoom di 19 mar 2023

Taranto : Esplosione al falò nel quartiere Tamburi

taranto esplosione

Durante i festeggiamenti di San Giuseppe a Taranto, poco prima di cena, si è verificata una tragedia: un'esplosione ha avuto luogo nella periferia del quartiere Tamburi, ferendo 4 persone. Attualmente, le autorità stanno conducendo un'indagine per determinare la dinamica dell'incendio. Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, soccorsi e carabinieri.

Come ogni anno in occasione della festa di San Giuseppe, è stato acceso un falò, ma improvvisamente si è verificata un'esplosione che ha causato preoccupazione tra i presenti. La tragedia si è verificata nella periferia del quartiere Tamburi, sotto le imponenti costruzioni dell'ex Ilva che coprono i parchi minerali. Una catasta di legno era stata abusivamente sistemata da alcuni residenti, ma è esplosa non appena qualcuno ha tentato di accendere il fuoco. I presenti hanno subito segnalato l'incidente alle forze dell'ordine e ai soccorsi e hanno condiviso foto e video sui social media, che sono diventati immediatamente virali.

Secondo una prima ricostruzione e le prime informazioni da parte dei professionisti sul posto, 4 persone sono rimaste gravemente ferite, con alcune ustioni che richiedono ulteriori controlli medici. Sono ancora in corso le indagini per determinare le cause dell'incidente e identificare eventuali responsabili.

L'accensione del falò di San Giuseppe è una tradizione illegale ma ormai consolidata nella città di Taranto. Nonostante i controlli delle autorità locali per smantellare le cataste di legno, alcune persone hanno comunque trovato il modo di creare un falò e utilizzare materiali esplosivi. In questo caso, sembra che una bombola di gas abbia causato l'esplosione al primo contatto con le fiamme.

Altre Notizie: Costituita la Biblioteca diocesana: a Massa Carrara venerdì conferenza sui Paesi della Lunigiana; Un Tablet per i giovani studenti ucraini; Schierato l’Ordine degli infermieri provinciali per la giornata regionale di oggi alla Cri di Albiano Magra in Lunigiana contro l’epatite C;