di Zazoom di 2 nov 2022

Kim Jong-un lancia tre missili nel mar del Giappone

jong lancia

jong lancia

Cresce la tensione nella penisola coreana. Nelle ultime ore Kim Jong-un ha deciso di lanciare nel Mar del Giappone tre missili balistici a corto raggio, uno dei quali ha sorvolato il suo confine marittimo di fatto con la Corea del Sud. In risposta ai lanci missilistici effettuati oggi da Pyongyang, i militari di Seoul riferiscono che il loro Paese ha lanciato tre "missili aria-superficie di precisione" nelle acque a nord del confine marittimo intercoreano. 

L'esercito sudcoreano ha dichiarato di aver gettato le sue armi in acque "vicino alla Northern Limit Line a una distanza corrispondente all'area" dove sono finite quelle testate oggi da nord, mai così vicine alle acque territoriali del sud. ha aggiunto il Joint Staff Command in una nota, hanno mostrato che Seoul intende rispondere "con fermezza contro ogni tipo di provocazione". La risposta è venuta da vicino dal pesantissimo giudizio espresso dall'esercito sudcoreano che ha denunciato i lanci della Corea del Nord - almeno dieci secondo i rilievi di Seoul -, di cui uno definito "intollerabile" e finiti in una zona vicina al acque. territori del sud per la prima volta dalla divisione della penisola in due parti, avvenuta oltre 70 anni fa. 

All'inizio della giornata il Nord ha lanciato tre missili balistici a corto raggio nel Mar del Giappone, uno dei quali è partito dall'area di Wonsan. che ha volato attraverso il confine marittimo de facto con la Corea del Sud, secondo i sondaggi di Seoul. "I missili nordcoreani, per la prima volta dalla divisione della penisola, sono atterrati vicino alle nostre acque territoriali a sud della Northern Limit Line, con una mossa intollerabile", ha affermato il Comando, assicurando che "i nostri militari hanno promesso di rispondere con fermezza alla provocazione. "Uno dei tre missili balistici a corto raggio è caduto in mare 26 chilometri a sud del confine marittimo, in un'area 57 km a est della città orientale di Sokcho e 167 km a nord-ovest dell'isola di Ulleung: egli si è diretto verso l'isola prima di finire negli internazionali, spingendo le autorità locali a un raro allarme aereo. 

Le sirene hanno suonato a Ulleung intorno alle 8:55 ora locale (0:55 in Italia), mandando i residenti a trovare protezione negli scantinati e nei rifugi. L'ultima provocazione dal Nord è arrivata mentre Seoul e Washington stanno svolgendo manovre congiunte di "Tempesta Vigile", che coinvolge più di 240 aerei nel tentativo di rafforzare la posizione deterrente contro le minacce del Nord che presto potrebbero condurre anche il suo settimo test nucleare. . Le minacce della Corea del Nord se Usa e Seoul usano la forza La Corea del Nord ha minacciato di usare armi nucleari per far pagare agli Stati Uniti e alla Corea del Sud "il prezzo più orribile della storia" se dovessero ricorrere alla forza, in un'escalation retorica contro l'attuale unione su larga scala manovre militari a Washington e Seoul. In una nota diffusa durante la notte dalla KCNA, Pak Jong-chon, segretario del Partito dei Lavoratori e stretto collaboratore del leader Kim Jong-un, ha definito le manovre "aggressive e provocatorie". 

Il Nord, definendo "avvisi" i suoi molteplici lanci di missili, ha preso di mira le manovre iniziate lunedì che hanno coinvolto 240 aerei da guerra. "Se gli Stati Uniti e la Corea del Sud tentassero di usare la forza contro di noi, le forze speciali dell'esercito della RPDC svolgerebbero immediatamente la missione strategica assegnata e gli Stati Uniti e la Corea del Sud dovrebbero affrontare un evento terrificante e pagare un prezzo terribile, "ha affermato il funzionario, secondo la KCNA. Washington e Seoul "devono tenere presente che prendere questo come un semplice avvertimento sarebbe un grosso errore nelle circostanze attuali", ha aggiunto Pak. Il funzionario nordcoreano ha contestato la strategia di difesa degli Stati Uniti e ha recentemente approvato una revisione della postura nucleare, in cui il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha affermato che un attacco nucleare del Nord contro gli Stati Uniti o i suoi alleati comporterebbe la "fine" del regime di Pyongyang. "Quello che è chiaro è che l'esercitazione aerea congiunta in corso , ripreso dopo un intervallo di cinque anni, è una provocazione", ha concluso Pak.

Altre Notizie: Costituita la Biblioteca diocesana: a Massa Carrara venerdì conferenza sui Paesi della Lunigiana; Un Tablet per i giovani studenti ucraini; Schierato l’Ordine degli infermieri provinciali per la giornata regionale di oggi alla Cri di Albiano Magra in Lunigiana contro l’epatite C;