Myanmar : orrore per l'uccisione di un ragazzo di 14 anni da parte delle forze di sicurezza

di Redazione Zazoom - martedì 23 marzo 2021

Myanmar :  orrore per l

Sono oltre 20 finora i minori che hanno perso la vita dal primo febbraio e almeno 17 sono ancora in detenzione arbitraria. L’Organizzazione invita a proteggere bambini e ragazzi, fermando la violenza contro tutti i manifestanti pacifici nel Paese. 

Ci sarebbero almeno altri due minori tra le persone uccise lunedì dalle forze di sicurezza in Myanmar, che porterebbero ad almeno 20[1] il numero totale di bambini e ragazzi assassinati dal 1 ° febbraio, data del colpo di stato militare.  Lo denuncia Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro. Tra le vittime di ieri c'è un ragazzo di Mandalay di 14 anni, che sarebbe stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre era dentro o intorno a casa sua, senza alcun coinvolgimento diretto nelle attuali proteste di resistenza.

Secondo diverse fonti sui social media, la sorella del ragazzo avrebbe detto che si trovava a casa in una "zona abusiva", che "non era abbastanza forte per fermare i proiettili". Sui social media stanno girando anche i filmati della madre del ragazzo in lutto. L'adolescente avrebbe dovuto compiere 15 anni a luglio.

Save the Children ritiene il numero crescente di morti tra i bambini e gli adolescenti estremamente allarmante, teme anche per la sicurezza di almeno 17 minori - tra cui una ragazzina di 11 anni - che sarebbero detenuti arbitrariamente. Al 22 marzo, l’Organizzazione e i suoi partner hanno registrato un totale di 146 casi di arresti o detenzioni di minori.

Oltre a questi bambini e adolescenti detenuti, altri manifestanti, molti dei quali giovani studenti, continuano a essere arrestati, secondo le ultime stime sono circa 488 gli studenti attualmente detenuti, di cui almeno venti sono delle scuole superiori la cui età è sconosciuta, ma alcuni di loro potrebbero anche avere meno di 18 anni.

Save the Children teme che i bambini e i giovani in detenzione non ricevano cure adeguate, compreso l'accesso al cibo, ed è estremamente preoccupata per i rapporti delle Nazioni Unite sugli atti di violenza sessuale contro i detenuti.

 “Siamo inorriditi dal fatto che i bambini continuino a essere tra gli obiettivi di questi attacchi fatali contro manifestanti pacifici. La morte del ragazzo di 14 anni è particolarmente preoccupante dato che, secondo quanto riferito, è stato ucciso mentre si trovava a casa, dove avrebbe dovuto essere al sicuro. Il fatto che così tanti minori vengano uccisi quasi quotidianamente mostra un totale disprezzo per la vita umana da parte delle forze di sicurezza. La sicurezza dei bambini deve essere garantita in ogni circostanza e chiediamo ancora una volta alle forze di sicurezza di porre fine immediatamente a questi attacchi mortali contro i manifestanti. Di volta in volta vediamo che i bambini sono inevitabilmente le vittime innocenti di qualsiasi crisi. L'unico modo per proteggere i minori in Myanmar è fermare del tutto la violenza contro tutte le persone nel Paese. Siamo anche estremamente preoccupati per la sicurezza delle centinaia di giovani detenuti, di cui molti si pensa siano minori. La prigione non è un posto per un bambino e la detenzione rischia di essere estremamente traumatica, in particolare per i più piccoli che stanno già lottando contro la paura, la perdita e le ferite che queste violente repressioni stanno causando” ha detto Save the Children.

L’Organizzazione e i suoi partner stanno fornendo supporto ai minori che hanno subito danni e alle loro famiglie, ove possibile. Ciò include il sostegno psicosociale ai bambini che hanno assistito alla violenza e lo sviluppo delle risorse per sostenere la crescente crisi della salute mentale nel Paese. A causa dell'insicurezza e delle continue restrizioni del COVID-19, gran parte di questo lavoro viene svolto da remoto e molti bambini non sono ancora in grado di ricevere il sostegno di cui hanno disperatamente bisogno.

In un'ulteriore violazione dei diritti dei bambini, le forze di sicurezza avrebbero occupato più di 60 scuole e campus universitari in 13 stati e regioni a partire dal 19 marzo. In almeno un incidente, secondo quanto riferito, le forze di sicurezza hanno picchiato due insegnanti mentre entravano nei locali e lasciato molti altri feriti. In una dichiarazione rilasciata la scorsa settimana, Save the Children, l'UNESCO e l'UNICEF hanno invitato le forze di sicurezza a porre fine a tutte le forme di occupazione e interferenza con le strutture educative, il personale, gli studenti e altre istituzioni pubbliche.