Covid-19: Come sedersi bene a tavola per ridurre il rischio di contagio

di Redazione Zazoom - lunedì 4 gennaio 2021

Covid-19: Come sedersi bene a tavola per ridurre il rischio di contagio

I ricercatori hanno utilizzato il supercomputer Fugaku in Giappone per verificare il comportamento delle goccioline emesse da individui seduti attorno allo stesso tavolo. In base a questi risultati, l'ospite accanto a chi parla riceve venti volte più goccioline rispetto a quello posto in diagonale.

Un recente studio pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention ( CDC ) negli Stati Uniti suggerisce l'aumento del rischio di trasmissione del virus nei ristoranti. I risultati hanno mostrato che le persone che sono risultate positive al Covid-19 avevano cenato fuori nelle due settimane precedenti e avevano un rischio di contagio doppio rispetto a quelle che non sono state in ristoranti.

Una nuova simulazione eseguita dal supercomputer Fugaku in Giappone ha esplorato questo rischio di trasmissione in modo più dettagliato. Dopo aver analizzato la diffusione del virus negli uffici o nei treni, i ricercatori del Riken Institute, della Toyohashi Technical University e della Kobe University hanno esaminato la trasmissione tra i commensali seduti allo stesso tavolo, discutendo senza mascherina.

Un rischio diverso a seconda del posto occupato

In condizioni tipiche da ristorante, l'ospite di fronte riceve circa il 5% delle goccioline emesse. Questo numero viene diviso per quattro per chi è posizionato diagonalmente. Tuttavia, l'ospite seduto direttamente accanto a chi parla riceve cinque volte più goccioline quando la persona gira la testa per parlargli.

Il supercomputer ha anche simulato la proiezione di goccioline in base all'umidità dell'aria . Con un tasso di umidità del 30%, circa il 6% delle goccioline prodotte dalla tosse raggiunge una persona seduta di fronte a circa due metri di distanza. Questa cifra è divisa per tre con un livello di umidità del 90%. I ricercatori quindi consigliano l'uso di umidificatori per ridurre la trasmissione di Covid-19 quando l'aerazione non è possibile.