Giocano a prendersi a schiaffi! Ewan uccide il padre Malcolm Chandler

di Anna Spiotta - mercoledì 9 dicembre 2020

Giocano a prendersi a schiaffi! Ewan uccide il padre Malcolm Chandler

Non era la prima volta che giocavano, a quest'ultima volta lo scherzo è finito in tragedia. Malcolm Chandler, un veterano dell'esercito britannico di 48 anni, ha schiaffeggiato suo figlio, Ewan, 19 anni. Il ragazzo, invece di rispondere, ha preferito abbracciare suo padre. 

Ma come riporta Metro.co.uk, l'uomo ha detto a Ewan: "Bene, ora devi battere la tua punizione", il che implica che il gioco doveva continuare. Il giovane era inizialmente riluttante, secondo i testimoni fuori dal nightclub Matchbox a Reading, ma alla fine lo schiaffeggiò, lo respinse, facendolo letteralmente perdere i sensi. Mentre suo padre giaceva a terra il 12 aprile 2019, Ewan avrebbe gridato "sveglia papà. Papà, ti amo". Il 48enne non si è mai ripreso. Durante l'udienza in tribunale per il processo, il figlio ha detto che non c'era nulla di aggressivo nello schiaffo e che stavano solo scherzando.

Il 19enne è stato arrestato sul posto, ma i pubblici ministeri hanno deciso di non portare il caso in tribunale. Sua madre, Kathryn Morrison, ha detto che il "gioco degli schiaffi" era qualcosa che Ewan e suo marito Malcolm facevano insieme. "A volte lo facevano anche a me, ci picchiavamo sulle costole che chiamavamo 'dita d'acciaio'. Malcolm era molto competitivo quindi non avrebbe mai lasciato vincere Ewan, era quasi una scusa per ricordargli che non era ancora abbastanza grande.

L'amico di Ewan Luke Key, che era in visita da Birmingham ed era fuori con loro la notte della tragedia, ha detto in tribunale che padre e figlio erano "felici e sorridenti" mentre giocavano. "È una cosa da esercito ed Ewan e Malcolm hanno avuto quel tipo di relazione. Ha sempre avuto un rapporto solido con suo padre. "Ewan ammirava suo padre perché era una figura di alto livello nell'esercito e voleva solo renderlo orgoglioso", ha detto ancora. "Spero che le indagini siano chiuse. Non riesco a immaginare l'angoscia e il profondo dolore che l'evento ha causato alla famiglia ", ha concluso Luke.