di Zazoom di martedì 30 gennaio 2024

Picchiata e sequestrata dall'ex e sua sorella a Reggio Calabria

picchiata sequestrata

Insieme alla sua sorella, l'operatore socio-sanitario di 46 anni ha perpetrato atti di violenza nei confronti della sua ex compagna, addirittura procedendo al suo sequestro e costringendola a salire in auto per riaccompagnarla a casa. L'incidente è avvenuto recentemente a Fiumara, Reggio Calabria, e ha portato all'assegnazione degli arresti domiciliari sia per l'uomo che per la sorella, di 43 anni. Saranno chiamati a rispondere di vari reati, tra cui sequestro di persona, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, ciascuno con le proprie responsabilità differenziate.

Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri, la relazione tra la coppia era in crisi da diversi mesi, e l'uomo, sopraffatto dalla gelosia, non riusciva ad accettare la fine della storia d'amore. Il 19 gennaio scorso, con l'aiuto della sorella, ha fermato l'auto della vittima, che si stava recando da sola a trovare un'amica. Dopo costringerla a scendere, hanno brutalmente aggredito la donna, causandole la rottura di un dente e infliggendole lividi ed ecchimosi su tutto il corpo.

Successivamente, privandola del telefono cellulare, l'hanno costretta a risalire in auto e a fare ritorno alla casa coniugale insieme a loro. Solo una volta giunti a destinazione, la donna è riuscita a liberarsi, principalmente grazie all'intervento della figlia presente in casa, la quale ha tempestivamente chiamato il 112 e richiesto l'ausilio dei carabinieri di Villa San Giovanni. Gli investigatori della Stazione di Fiumara, in stretta collaborazione con la procura di Reggio Calabria, hanno portato avanti le indagini che hanno condotto alla richiesta e all'ottenimento, da parte del giudice per le indagini preliminari, di due misure cautelari.