di Zazoom di martedì 23 gennaio 2024

Femminicidi: in Italia 120 donne uccise nel 2023

femminicidi italia
Nel corso del 2023, si sono verificati 120 casi di donne che hanno perso la vita, secondo i dati recenti del Ministero dell'Interno. Il direttore della Centrale delle statistiche demografiche, Saverio Gazzelloni, ha riferito in una seduta della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul femminicidio che, nonostante un incremento moderato degli omicidi volontari compiuti, passati da 322 nel 2022 a 330 nel 2023, si è registrata una diminuzione degli omicidi femminili da 126 a 120.

Gazzelloni ha sottolineato che oltre il 50% di tali omicidi sono attribuiti al partner o all'ex partner delle vittime, con circa il 20% coinvolgente altri parenti. Quasi l'80% degli omicidi avviene all'interno della sfera familiare. L'età media delle vittime femminili nel 2022 è risultata essere 55,1 anni, con un aumento del rischio al progredire dell'età.

È emerso che nel 2023 le richieste di aiuto al numero di pubblica utilità 1522 contro la violenza e lo stalking sono aumentate significativamente, raggiungendo 51.713, con un incremento del 143% rispetto al 2019 e del 59% rispetto al 2022. Nel quarto trimestre del 2023, tale aumento è stato particolarmente evidente, forse influenzato dall'omicidio di Giulia Cecchetin.

Le vittime che hanno contattato il 1522 nel 2023 sono state 16.283, con un aumento del 36,7% rispetto al 2022. Il 45,7% delle vittime femminili ha un'età compresa tra i 35 e i 54 anni, e il 20,5% tra i 25 e i 34 anni. La maggioranza delle donne che ha cercato aiuto ha subito violenza psicologica (84,6%), fisica (57,7%), e minacce (44,2%). La maggior parte delle vittime non ha denunciato la violenza subita (82,1%).

Il servizio 1522 ha svolto un ruolo chiave nel dirigere il 75,3% delle donne vittime di violenza verso servizi di supporto a livello territoriale, con la maggior parte indirizzata a Centri antiviolenza (93%), seguito da forze dell'ordine (5,1%) e Case rifugio (circa l'1%).