di Zazoom di lunedì 22 gennaio 2024

Beppe Grillo: La libertà e la democrazia sono parole che non significano più nulla

beppe grillo

Libertà e democrazia, sono termini che hanno perso il loro significato autentico, secondo Beppe Grillo, il quale ha espresso queste riflessioni in un video condiviso sui suoi canali social. Nel video, Grillo sottolinea la sua umiltà nell'affermare che, nonostante la sua immersività nella lettura, si rende conto di quanto poco conosca. Tuttavia, fa notare che parole come libertà e democrazia sono diventate vuote di significato, usate per nascondere la mancanza di comprensione delle azioni che si compiono. Grillo sostiene che la libertà non dovrebbe essere interpretata come la semplice facoltà di fare ciò che si vuole, ma piuttosto come la consapevolezza di ciò che si sta facendo. Altrimenti, sostiene, diventiamo liberi come schiavi in ferie.

Grillo prosegue sottolineando che a nessuno conviene o interessa veramente essere veramente liberi. L'interesse prevalente sembra essere quello di essere guidati come consumatori anziché essere liberi come cittadini. L'intellettuale italiano afferma che il pensiero collettivo è paralizzato, indicando il fatto che organizzazioni come Amnesty International, con 3 milioni di iscritti, e la Croce Rossa, con 100 milioni, dimostrano un maggiore interesse per la sicurezza rispetto ai diritti e alla libertà.

Grillo critica anche concetti come lo sviluppo sostenibile e il consumo sostenibile, considerandoli parole prive di significato reale, usate come totem senza una vera comprensione di cosa rappresentino. Dal punto di vista sociale ed economico, sostiene, la società sta regredendo, consumando il futuro con idee obsolete del passato, come quelle legate alle pensioni e all'INPS.

Guardando all'Europa, Grillo solleva domande sulla mancanza di un concetto politico chiaro e sulla necessità di idee innovative. Propone l'idea di un 'Erasmus per il lavoro' e la necessità di una lingua comune. Inoltre, esprime preoccupazione per la direzione in cui si stanno dirigendo finanza e capitale, suggerendo che il capitale futuro sarà ereditato, creando una perpetua concentrazione di ricchezza.

Grillo invoca la necessità di idee nuove e propone una riforma fiscale europea e il finanziamento di un reddito di base incondizionato tramite una tassa sui consumi. Afferma che continuare a basarsi su concetti obsoleti è follia e che è giunto il momento di abbracciare idee nuove per plasmare il futuro.