Coronavirus, prototipo vaccino entro l'anno : prime dosi entro dicembre

di Giuseppe Ferrazzuolo - mercoledì 21 ottobre 2020

Coronavirus, prototipo vaccino entro l

Un prototipo del vaccino anti-Covid sarà convalidato entro fine anno e si guarda a grandi bacini produttivi, non credo sarà necessario attendere il 2022 per avere un vaccino per tutta Italia. Così il vicedirettore Oms e componente Cts, Guerra, ad Agorà su Rai Tre. "Le terapie intensive ancora non sono sature, la preparazione è adeguata" negli ospedali ma non sul territorio, aggiunge. Potenziare il tracciamento con i tamponi; trasmissione intensa a livello domestico e nelle zone più popolose, ora concentrarsi su aree metropolitane.

Il presidente del centro di ricerca Irbm di Pomezia, che collabora con l' Università di Oxford per un vaccino anti covid 19, conferma la disponibilità delle prime dosi entro dicembre, già annunciata nei giorni scorsi da Conte. "Se non insorgono problematiche improvvise -ha detto Di Lorenzo al sito Financial Lounge- è ragionevole pensare che la fase clinica di sperimentazione possa concludersi entro fine novembre, primi di dicembre". "Conclusa la fase 3 -ha proseguito- la palla passa all'Ema per l'eventuale validazione".

"Mandare messaggi dicendo che avremo il vaccino fra uno o due mesi sicuramente intercetta le aspettative di tutti quanti, ma lo vedo piuttosto irrealistico". Così Crisanti, ordinario di microbiologia a Padova, su Sky TG24. "Forse -aggiunge- fra due mesi qualcuno dirà che abbiamo un vaccino, ma tra dirlo e fare uno studio pilota e poi distribuirlo passano tanti mesi". Il Covid, prosegue, "si sconfigge sul territorio" e la rete che c'è "non è sufficiente". Per questo serve un "sistema di sorveglianza nazionale omogeneo".

"Alcune aree metropolitane come Milano, Napoli e probabilmente Roma, sono già fuori controllo per il contenimento della pandemia, hanno numeri troppo alti per essere contenuti con il metodo tradizionale del tracciamento". Così il professor Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Speranza. "Quando non riesci a contenere devi mitigare, ovvero devi bloccare la mobilità", ha affermato. Ora l'Italia, ha concluso, "si accoda ai Paesi che non decidono coi tempi giusti".