Ragazzi morti nel sonno a Terni : Ha confessato lo spacciatore

di Giuseppe Ferrazzuolo - mercoledì 8 luglio 2020

Ragazzi morti nel sonno a Terni : Ha confessato lo spacciatore Alla fine, ha confessato: il 41enne in detenzione dopo la morte dei due adolescenti di Terni "ha ammesso dal primo momento che aveva dato loro il metadone, lo stesso di quello che gli era stato fornito al Sert, essere seguito come un drogato ": dice l'avvocato Massimo Carignani, difensore dell'uomo. L'avvocato ha incontrato lo spacciatore questa mattina, che è stato nel carcere di Sabbione dalla tarda notte. L'udienza di convalida della detenzione è prevista per domani mattina davanti al giudice.

"Cosa gli ha dato da bere...?" Una frase è sfuggita a un amico del quindicenne Gianluca Alonzi e il sedicenne Flavio Presuttari morti nel sonno contemporaneamente, in due case diverse, nelle loro stanze. Non è stata una tragica fatalità a ucciderli.

Come riporta Il Messaggero nell'articolo firmato da Vanna Ugolini e Nicoletta Gigli, i due adolescenti sono stati trovati morti dalle loro madri che, al risveglio, hanno notato che qualcosa non andava. Non si erano svegliati e quando entrarono nella loro stanza, i ragazzi non davano alcun segno di vita. "Aiutami, aiutami a svegliarlo, non posso farlo", ha gridato la madre chiedendo aiuto al suo vicino. Ma non c'era niente da fare. A pochi chilometri di distanza, un'altra donna era nella stessa situazione. Lei, dottore, ha immediatamente capito cos'era successo. Un grido che unisce il dolore di un'intera città.