George Floyd, proteste in tutti gli USA: tre morti negli scontri

di Anna Spiotta - lunedì 1 giugno 2020

George

Coprifuoco a Washington e in altre 40 città, migliaia di arresti (oltre 250 a New York). uno morì a Louisville, nel Kentucky, e due a Davenport, nello Iowa. Anche la figlia del sindaco di New York faceva parte delle persone arrestate. Questo è il bilancio delle proteste e degli scontri negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd, l'afroamericano ucciso durante il suo arresto da un ufficiale di polizia del Minnesota.

Tre morti in scontri

A Davenport, durante le proteste, due persone sono state uccise e un agente di polizia è rimasto ferito dopo essere stato teso un'imboscata da un proiettile. Lo ha detto il capo della polizia locale Paul Sikorski. La morte di Louisville - ha riferito la polizia del Kentucky e la Guardia nazionale - "si sono vendicate" per disperdere la folla. Il capo della polizia di Louisville Steve Conrad non dice chi ha sparato il colpo fatale. Le autorità devono ancora rilasciare informazioni sulla vittima. Altre due persone sono state uccise e un ufficiale è rimasto ferito in una sparatoria a Davenport, Iowa, anche durante le proteste. Il capo della polizia locale Paul Sikorski ha dichiarato in una conferenza stampa che tre agenti di polizia sono stati aggrediti durante una pattuglia e che diversi colpi hanno colpito la loro auto. Uno di loro, che non è in pericolo di vita, è rimasto ferito.

George

Trump assediato a Washington

E almeno cinquanta agenti sono rimasti feriti negli scontri vicino alla Casa Bianca durante le proteste contro Floyd. Diversi incendi a Washington. Il presidente Donald Trump è sotto assedio: con lui nel bunker Melania e suo figlio. Numerosi monumenti nella capitale sono stati inoltre contrassegnati con scritte nel National Mall. La Casa Bianca sta attualmente valutando la possibilità di stabilire contatti con alcuni leader della comunità afroamericana per una "sessione di ascolto" durante la settimana, al fine di cercare di trovare la risposta più appropriata alle manifestazioni che hanno raggiunto il sesto giorno.