Libero abbandonato senza cibo né acqua : è vivo per miracolo

di Francesco Oliva - domenica 17 maggio 2020

Libero

Nella già acclamata situazione drammatica della pandemia di coronavirus, ci sono anche storie strazianti di animali abbandonati, che fanno davvero arrabbiare. È il caso di un cucciolo di sei anni, abbandonato nel cortile, completamente solo e senza cibo né acqua.

Il destino di questo piccolo animale sembrava segnato: una morte in totale solitudine. Fortunatamente, con il rilassamento delle misure di quarantena, un ragazzo venne a conoscenza dell'animale e informò i volontari dell'Oipa di Teramo.

Una storia del genere non può certamente lasciare tanta rabbia per la crudeltà che alcune persone perpetuano nei confronti dei cani. Le immagini animate dell'animale, ora pelle e ossa, fanno davvero impressione. I volontari hanno chiamato il cane Libero. Un nome che dovrebbe liberarlo metaforicamente dalla violenza che i suoi proprietari ingiustificabili gli hanno inflitto. Trasportato dal veterinario, quest'ultimo ha verificato l'età dell'animale che a circa sei anni.

Il cane era malnutrito e senza microchip. È quindi impossibile trovare i suoi proprietari crudeli. Il veterinario doveva anche curare la cheratocongiuntivite che lo rendeva parzialmente cieco. In pochi mesi, le sue condizioni migliorate e, a questo punto, Libero può essere adottato da una famiglia amorevole che si prenderà cura di lui. Infatti, se qualcuno desidera portarlo a casa, è possibile contattare il seguente indirizzo di posta elettronica: teramo@oipa.org. È una storia di enorme crudeltà inflitta agli animali che colpisce davvero tutti. Fortunatamente, il temperamento di questo adorabile cane ha vinto tutto.