Coronavirus, Tomaso Trussardi Michelle Hunziker a Bergamo per aiutare la sua città

di Giuseppe Ferrazzuolo - lunedì 23 marzo 2020

Coronavirus

In questo periodo Tomaso Trussardi e Michelle Hunziker trascorrono l'isolamento a Bergamo. In effetti, Trussardi è tornato con tutta la famiglia nella sua città, la più colpita dal coronavirus, per dare il suo contributo personale : «Ho vissuto a Bergamo 25 anni, la nostra azienda è nata qui nel 1911. Noi siamo in prima fila ed è proprio questo il momento in cui la città ha bisogno», spiega in diretta ad “Agorà”. L'imprenditrice ha avviato una raccolta fondi per l'ospedale Papa Giovanni XXIII, ha scelto di rimanere nell'edificio nella Città Alta, dove ha riunito Michelle Hunziker, le piccole Celeste e Sole, e Aurora Ramazzotti con il suo fidanzato: «Siamo ligi alle regole, restiamo a casa». 

Due settimane fa avevano pubblicato sui social network la festa di compleanno per la figlia più giovane. Sembravano uniti e determinati a regalare un momento di gioia, sebbene nell'intimità della famiglia: «Anche noi…stiamo a casa!!! Il compleanno della piccola Cece è stato intenso e pieno di amore nell’intimità della famiglia. Fatelo anche voi… il più possibile…», aveva scritto la conduttrice in un post datato 8 marzo. Quello che gli fa più male a Tomaso è vedere la città spenta. «C’è totale assenza di vita, di movimento. Vedere una società che è nata e cresciuta con la fatica e l’impegno completamente ferma lascia un segno di impotenza». 

«Il bergamasco dice è una persona che non è abituata a condividere la sofferenza, è molto forte e fa fatica a chiedere aiuto, forse anche per questo c’è stata una sottovalutazione del problema all’inizio. Lo spirito è lavorare e fare silenzio. Difficilmente i bergamaschi condividono il dolore perché non vogliono pesare sugli altri». Il Gruppo Trussardi ha raccolto le donazioni in denaro, ma anche materiale sanitario. «Il denaro può bloccarsi per vari automatismi e noi ci siamo impegnati per acquistare respiratori. Mettere in moto la macchina attraverso il gruppo Trussardi ha smosso anche i nostri contatti all’estero che hanno messo a disposizione delle apparecchiature». 

Trussardi e Michelle Hunziker hanno due figlie di 5 e 6 anni, a cui hanno scelto di dire tutta la verità: «Cerchiamo di mitigarla, ma hanno un’età in cui capiscono tutto. Raccontiamo che c’è un virus cattivo e bisogna proteggersi e loro ci fanno delle domande. Io penso che questa esperienza noi genitori abbiamo il dovere di trasmetterla in modo che i nostri figli si fortifichino per affrontare le difficoltà in futuro. Noi la pensiamo così. La maturità arriva attraverso la fatica».