Giuseppe Tomasello picchia una ragazza e cerca di rubarle la macchina: arrestato il cantante neomelodico

di Mario Ferrazzuolo - giovedì 13 febbraio 2020

Giuseppe Tomasello

Prima cena in un noto ristorante di Pavona, poi rapina e pestaggi di una ragazza di 27 anni per cercare di rubare la macchina. Ad attaccare la giovane donna con calci e pugni sarebbe stato Giuseppe Tomasello, cantante neo-melodico originario di Napoli, più noto alla polizia per i crimini commessi che al pubblico per la sua musica. A raccontare la storia è Il Messaggero. Tutto è iniziato martedì sera quando Tomasello, dopo essere andato a mangiare in un ristorante, ha cercato di rubare una Fiat 600 di una ragazza in via Cagliari. La giovane donna resistette, ma lui iniziò ad aggredirla violentemente per cercare di prendere la macchina. Le urla della ragazza attirarono alcuni passanti, che immediatamente chiamarono il 112. Poco dopo arrivarono sulla scena i carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo, che chiusero l'area con due pattuglie.

Tomasello si era nascosto nell'atrio di un edificio, ma fu bloccato e arrestato. Le accuse riguardano tentativi di rapina e lesioni personali. La notizia del suo arresto è stata data dallo stesso, che prima di essere portato in caserma ha trovato il tempo di scrivere uno status su Facebook. "Da domani, amici miei, tornerò a Velletri. Sfortunatamente creiamo vita e destino anche se commettiamo errori. Ti amo e ti prometto che tornerò presto". La ragazza, salvata dal 118, fu ricoverata in ospedale in stato di shock. Tomasello è un vecchio conoscente delle forze dell'ordine: in passato è stato arrestato con l'accusa di vendita di cocaina, rapina e tentato omicidio. Quest'ultimo caso, il più grave, risale alla sera del 31 dicembre 2013, durante una rapina avrebbe sparato al proprietario di una pompa di benzina, colpendolo all'addome.